SPORTELLO LINGUISTICO

Lo sportello linguistico di Roghudi nasce nel luglio del 2004, con un patto di collaborazione tra  il Comune di Roghudi  e la Provincia di Reggio Calabria.
Esso nasce per tutelare la lingua e la cultura dei greci di Calabria ai sensi della legge nazionale  482 del 1999 e della legge regionale 15 del 2003; infatti ai sensi di tali normative, il Settore  Beni Culturali e Minoranze Linguistiche  della Provincia di Reggio Calabria,  ha inteso promuovere un'azione finalizzata alla tutela e promozione della minoranza linguistica e storica dei greci di Calabria, predisponendo e attuando progetti finanziati attraverso i fondi messi a disposizione dalle leggi citate.
Quello attuale è il progetto della 5^ annualità, che ha visto l'incremento da tre ad otto degli sportelli linguistici operanti nell'area grecanica, perciò  ai tre sportelli iniziali di Reggio Calabria, Bova e Roghudi si sono aggiunti quelli di  Bova Marina, Condofuri, Melito P.S., Roccaforte del Greco e Staiti.
Presso lo sportello linguistico di Roghudi, aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8:00 alle ore 13:00, opera un interprete e traduttrice, la sign. Mariangela Maesano.
Lo sportello linguistico garantisce l'informazione ai cittadini che utilizzano la lingua minoritaria grecanica ed a quelli che intendono impararla e utilizzarla; potenzia, attraverso studi, ricerche e diffondendo materiale informativo, le azioni a tutela del patrimonio linguistico e culturale della minoranza.

I THIRÌDA  GLOSSIK Ì

I thirìdha glossikì tu Richudìu ghènete sto storojùni tu 2004, m'enan patto sce afùdima mesa to dhimarchìo tu Richudìu  ce tin Nomarchìa tu Righìu tis Kalavrìa.
Cini  ghènete n'afudìi tin glossa ce tin cultùra ton greko tis Kalavrìa skundo to nomo ethnikò 482 tu 1999 ce to nomo periferiakò 15 tu 2003; sce alìthia skundo tundu nomu, i Merìa  Kalà Morfotikà ce  Glossikè Mionòtite tis Nomarchìa tu Righìu tis Kalavrìa, ethèlie na cami mian dulìa jà to cràtima ce jà to afùdima tis mioniòtita glossikì ce storikì ton greko tis Kalavrìa, ftiàzonda ce cànnonda dulìe pu piannu ta dinèria ti vaddhu i nomi t' ìpame prita.
Cini sce arte ene i dulìa tu 5^ chronu, pu ivre to fùscoma an te trie stes oftò ton thirìdho ti ene stin merìa greca tis Kalavrìa, jàfto ste trie thirìdhe ti iche sto acchèroma, cine tu Righìu, tu Vùa ce tu Richudìu, esmìthissa  cine tu Jalù tu Vua, tu Condofurìu, tu Melìtu P. S., tu Vunì ce tu Staìti.
Stin thirìda tis glossa tu Richudìu, animmèno an tin deftèra sto parasceguì an tes ore 8:00 stes ore 13: 00, dulègghi mia dhierminèas ce metafrastì, i kir. Mariangela Maesano.
I thirìdha glossikì donni tin cheropisti stus christianù pu platèggu tin glossa mionòtita greka  ce cinò pu thelu na tin matthèu ce na tin platèspu; plusèni, me  melète, erèvne ce scorpìzonda chartì sce cheropisti, te dulìe jà to afùdima tis klironomìa glossikì ce politistikì tis glossa mionòtita.